ete pizza

Sabato sera a casa: ci vuole proprio una bella pizza!

#restoacasa…e mangio! Anzi, cucino! In questi giorni di “quarantena forzata” cucinare è uno dei passatempi al quale possiamo dedicarci per passare il tempo e distrarci un pò. Molti hanno scoperto (o riscoperto) la passione per i fornelli e si stanno cimentando per preparare i piatti che, di solito, mangiamo nei ristoranti. Uno di questi è sicuramente la pizza: un autentico must del sabato sera! Per questo, abbiamo pensato di proporvi una ricetta semplice per realizzarla in casa proprio come in pizzeria. Il risultato vi sorprenderà!

Per acquistare tutti gli ingredienti, vi ricordiamo che i nostri punti vendita sono regolarmente aperti! Stiamo facendo tutto il possibile per offrirvi materie prime sempre fresche e un servizio di qualità nel rispetto delle norme e delle disposizione emanate dalle autorità pubbliche.

Pizza fatta in casa: la ricetta tradizionale

Quantità per 4 – 5 pizze

  • Per la pasta per pizza:
  • 300 gr di farina’0 (+ un pò per pieghe e stesura)
  • 200 gr di farina manitoba
  • 400 gr di acqua
  • 3 gr di lievito di birra fresco ( 1, 5 gr di lievito di birra secco)
  • 1 cucchiaio di olio extravergine
  • 11 gr di sale
  • 1/2 cucchiaino di zucchero
  • Per il condimento classico gusto Margherita:
  • 400 gr di pomodori pelati
  • circa 300 gr di mozzarella perfettamente sgocciolata
  • basilico fresco
  • olio extravergine
  • sale

Pizza fatta in casa: procedimento

Per prima cosa, realizzate la pasta della pizza morbida e digeribile. Mescolate farina, acqua, pochissimo lievito, olio e sale fino ad ottenere un impasto liscio e senza grumi. Lasciate riposare l’impasto per una quarantina di minuti e successivamente dividetelo in pagnotte da 250 gr ciascuna. Lasciate a temperatura ambiente a riposare fino a che non raddoppierà di volume: ci vorranno circa 4 ore. Al termine della lievitazione, potete stendere la pizza. La stesura è un passaggio fondamentale per ottenere una pizza fatta in casa a regola d’arte. Il piano di lavoro d’essere sempre leggermente infarinato, così come le vostre mani. I’impasto non deve attaccare.

Partite da centro del panetto e picchiettate con i polpastrelli per allargare a cerchio ad una dimensione di circa 20 – 22 cm. Abbiate cura di lasciare un bordo un pò più gonfio di circa 1 cm, quello è il famoso “cornicione” come vuole la pizza napoletana. Che in cottura si rigonfia leggermente e diventa morbido. Se invece volete realizzare la pizza romana bassa, basterà schiacciare anche i bordi. Stendete in questo modo tutti i panetti a disposizione.

Nel frattempo preparate il condimento: frullate i pomodori pelati con un minipimer, salate, aggiungete qualche foglia di basilico e un filo d’olio, girate bene. Tagliate la mozzarella, strizzatela in uno strofinaccio (meglio se la sgocciolate con cura la sera prima) ponete da parte. Una volta stesa la pizza, è il momento della cottura.  Scaldate una piastra, quella che di solito si fanno le crepes va benissimo, meglio senza manico, ma va bene anche quella con, purchè la base sia liscia. Se non l’avete, niente paura, potete tranquillamente usare una padella antiaderente da 24 cm di diametro. Importantissimo che sia rovente e su fuoco alto.

Adagiate la pizza stesa direttamente in piastra, sistemandola e allargandola.  Adesso procedete velocemente: prendete la salsa realizzata e cospargetela al centro con un cucchiaio, lasciando libero il bordo (ovvero il cornicione). Aggiungete del basilico, un filo d’olio. Controllate il fondo sollevando poco la pizza e vedrete che si è abbrustolito leggermente. Nel giro di 1 minuto e mezzo la pizza si è già bella gonfiata

Inserite la pizza con tutta la piastra (anche manico, non succede nulla per pochi minuti, a meno che non sia di gomma morbida) a 250 ° nella parte più alta che avete. Lasciatela lì 1 minuto, aprite, aggiungete la mozzarella e un filo d’olio: fate cuocere per 1 altro minuto (anche meno) con grill acceso fino a quando non si scioglie la mozzarella e il cornicione non risulta bruciacchiato

La vostra pizza fatta in casa è pronta per essere servita! bella calda nel piatto con basilico fresco!